reggia
Home
Segreteria
Attività
Costruzioni
Diploma
Galleria
Contatti
Link utili

- ARI nazionale
- ARI C.R. Campania
- Ministero Sviluppo Economico
- Internat. Amateur Radio Union

- American Radio Relay League
- LOTW - Logbook on the World
- ARRL - Richiesta DXCC online
- QRZ - Callsign database
- RSGB - Islands on the Air
- Gruppo Radiotelegrafisti
- Web SDR - La Radio online
- MDXC - Mediterraneo DX Club
- AIR - Radioascolto
- GRAMI - Gruppo Aeronautica
- ClubLog - Log search
- Radio Club Marconi - Casapulla
Documenti

doc
- Richiesta Autoriz. generale
- Richiesta Nominativo
- Rinnovo Aut/Licenza


DOPPIA ANTENNA DIRETTIVA PER UHF 4/6 ELEMENTI


dir1
Una realizzazione di Carmine IW8EAS
In questo progetto vi presento una bellissima versione di antenna direttiva per la banda dei 70 cm, cosiddetta UHF. Dal titolo vi sarete sicuramente accorti dal particolare 4/6 elementi, infatti risulta essere un’antenna double face e cioè che il boom può essere diviso in due parti e quindi usarla come 4 elementi portatile, oppure aggiungendo gli altri 2 elementi dove l’antenna aumenta la propria direttività. In tal caso la si può installare anche in postazione fissa. Naturalmente come tutti i miei progetti il materialeutilizzato per la costruzione è sempre di recupero, nel senso che lo si può reperire in commercio facilmente e velocemente.

foto1
Foto 1
Dalla foto n.1 è possibile vedere la realizzazione completata, il boom risulta essere composto da una canalina di plastica per impianti elettrici divisa in due parti,la prima lunga 40 cm e la seconda 20 cm,totale 60 cm. Gli elementi invece sono realizzati mediante tubolari di alluminio sezione 6 mm. Il primo elemento riflettore è di lunghezza 33 cm, mentre il dipolo è 32 cm. Gli elementi direttori sono: il terzo 30 cm e gli altri tre 29 cm.
Inoltre si può notare sull’elemento dipolo un gamma match per la regolazione del ros. Naturalmente l’antenna nasce per uso portatile e quindi  l’estremità del boom funge anche da manico per il trasporto,io in tal caso la sfrutto in postazione fissa e ho quindi aggiunto una staffa ad  “U” piccola , fissata mediante dei fori sulla canalina per permettere un ancoraggio a paletto.

foto2
Foto 2
La foto n. 2 mostra appunto la seconda sezione del boom composta da soli 2 elementi agganciabili al resto dell’antenna mediante incastro, realizzato inserendo un tubolare di sezione più piccola all’interno della canalina.

foto3
Foto3

Lo stub realizzato sempre in alluminio viene ancorato mediante una piattina di alluminio forata all’elemento dipolo. Quindi sullo stub viene saldato il polo caldo e sull’elemento, mediante una vite, viene fissata la garza del coassiale. Si andrà quindi a creare una corto circuitazione, dove mediante lo spostamento della piattina di alluminio sullo stub si andrà a regolare   il ros e quindi la centratura in banda. Sullo stub sarà applicato direttamente un SO-239, io per mancanza scorte ho usato una femmina BNC con relativa riduzione.
L’antenna ha un eccessiva larghezza di banda e permette una facile taratura su tutto lo spettro di frequenza radioamatoriale. Ottima la direttività.

foto5
Foto

Nella foto n.5 è possibile vedere l’antenna senza la parte anteriore in configurazione 4 elementi. Naturalmente in tale configurazione diminuisce la direttività. Voglio ricordare che il progetto di questa antenna è stato effettuato in collaborazione con  IU8ALJ Ciro Pollio.
Per informazioni e-mail : segretario@aricaserta.it
   

Associazione Radioamatori Italiani
Sezione di Caserta 2015